• Elpidio Pezzella

Sforzatevi di entrare per la porta stretta


Or un tale gli chiese: «Signore, sono pochi coloro che si salvano?». Egli disse loro: «Sforzatevi di entrare per la porta stretta, perché vi dico che molti cercheranno di entrare e non potranno».

Luca 13:23-24

Il cammino di Gesù verso Gerusalemme può corrispondere a un viaggio spirituale, che coinvolge il lettore del vangelo e lo configura come itinerante nel mandato di annunciare il vangelo. Durante il suo cammino, Gesù si sente rivolgere questa domanda: “Signore, sono pochi quelli che sono salvati?”. Una domanda che abita ancora oggi molti cuori: la salvezza sarà riservata a pochi oppure la misericordia di Dio aprirà le porte del cielo a molti? Gesù però non risponde direttamente al quesito, ma dirotta l’attenzione oltre ogni inutile curiosità. Infatti, proclama con chiarezza quel che è urgente per tutti: “Lottate (sforzatevi) per entrare attraverso la porta stretta, perché molti cercheranno di entrare, ma non ne avranno la forza (non ci riusciranno)”. Ci lasciamo facilmente deviare dalle cose che realmente interessano la nostra vita al presente e al futuro.

Le porte della città erano chiuse di sabato per impedire ogni spostamento: dalle porte non poteva passare nessun carico. Poteva capitare però che un bambino o un animale si smarrisse nella campagna il venerdì sera, e qualcuno doveva soccorrerlo anche in giorno di sabato; quindi qualcuno doveva entrare ed uscire dalla città. La porta stretta era la porticina che permetteva di entrare ed uscire dalla città a porte chiuse. Nella città non doveva entrare nessun carico, ogni carico doveva rimanere fuori dalla porta stretta, era così stretta che un cammello che era la maggiore bestia da soma poteva passare a forza. Quella porticina era come quella cruna dell’ago menzionata da Gesù parlando della difficoltà di un ricco ad accedere alla salvezza (Luca 18:25). Probabilmente la forma della cruna rimandava alla porta stretta. Nonostante era così piccola comunque permetteva il passaggio sforzato di un cammello che doveva essere prima scaricato, fatto inginocchiare e spinto di forza dal proprio padrone ad attraversare la porta stretta. Naturalmente è più facile scaricare un cammello, farlo inginocchiare e spingerlo attraverso quella porticina piccola come la cruna di un ago, che convincere un ricco a volere lasciare fuori dalla porta stretta del regno dei cieli, tutta la sua ricchezza, il proprio io, il proprio orgoglio.

Per coloro che ascoltavano l’immagine della porta doveva risultare abbastanza familiare. Le successive parole di Gesù ci fanno considerare due modi diversi di porsi di fronte alla salvezza: il modo di chi pretende di possederla per qualche privilegio di nascita o per qualche merito e il modo di chi, invece, la cerca giorno per giorno con umiltà, ponendosi nelle orme di Gesù. Resta una triste e tragica prospettiva la possibilità di non trovarvi accesso nel momento più importante. Per questo chi fa stima delle sue parole non potrà non tenere conto di un’altra indicazione: "Io sono la porta: se uno entra attraverso di me, sarà salvato; entrerà e uscirà e troverà pascolo" (Giovanni 10:9). Egli è la porta della salvezza, che introduce ai pascoli eterni. Egli, e Lui solo, è l'unico mediatore e per mezzo suo gli uomini hanno accesso al Padre. Se entrare per la porta stretta può apparire non facile, di certo è alla portata di tutti. Siamo così esortati a combattere per entrare attraverso la porta stretta, a varcare attivamente quella soglia, anziché rimanere a guardarla, a pensarci o a lamentarci. Non interroghiamoci su chi vi entra. Lottiamo per entrare! Successivamente, sarà nostro compito esortare gli altri a lottare per entrare anch'essi, prima che sia troppo tardi. Se la porta resta stretta, oltre vi è comunque spazio.

____

Devotional 14/2019

Piano di lettura settimanale della Bibbia

01 aprile Giudici 13-15; Luca 6:27-49

02 aprile Giudici 16-18; Luca 7:1-30

03 aprile Giudici 19-21; Luca 7:31-50

04 aprile Ruth 1-4; Luca 8:1-25

05 aprile 1Samuele 1-3; Luca 8:26-56

06 aprile 1Samuele 4-6; Luca 9:1-17

07 aprile 1Samuele 7-9; Luca 9:18-36

Foto di Arianne von Noordt, www.freeimages.com

#devotional #it

112 views