RECENSIONI

Tutti hanno bisogno di letame. Avete capito (e letto) bene. Lo afferma Elpidio Pezzella, poliedrico autore di libri di edificazione cristiana, pastore evangelico e conduttore televisivo per l’emittente “Teleoltre”.

Non pensiate sia una provocazione, anzi. L’argomento e’ serio, serissimo.
Nella sua ultima fatica ”Il vignaiolo e il fico” (il testo e’ disponibile su Amazon) Elpidio Pezzella ci offre uno studio di esegesi neo testamentaria che merita tutta la più alta considerazione.
Come nei precedenti volumi già pubblicati, e come per le trasmissioni televisive di grande successo da lui condotte, Pezzella però non rinuncia al taglio divulgativo, con una determinata impostazione che gli consente di parlare a tutti, studiosi e semplici lettori.

La parabola presa in esame viene analizzata e meditata in tutti i suoi aspetti. E come anticipato in apertura, trovo stimolante soffermarmi su questo aspetto del letame.
Non per offendere nessuno, per carità, ma l’autore specifica che a volte, come fece il vignaiolo, e’ necessario che veniamo concimati. Ed a trarne beneficio sarà la nostra salute spirituale.

L’Autore incoraggia chiaramente tutti ad affidarsi a Dio, per essere “concimati” e lavorati dall’Alto.
E ognuno di noi, a sua volta, deve imparare ad essere un buon vignaiolo per essere fedeli a Dio.

 

Alessandro Iovino

 

Vai all'articolo originale

Ognuna delle parabole proposte dal Signore racchiude in sé possibili risvolti e applicazioni per la nostra vita, se permettiamo alle parole di rivelarci la Sua volontà. La maggior parte delle meditazioni sulla parabola di Luca 13:6-9 hanno concentrato l’attenzione sul fico e sul fatto che non porta frutto, facendolo diventare paradigma di una fede che non manifesta opere degne del cristianesimo. Il presente testo percorre un sentiero diverso che non ignora il fico, ma lo osserva in relazione al vignaiolo: oggetto principale delle riflessioni proposte. L’autore, Elpidio Pezzella, è attirato dal fico della parabola e dal comportamento del vignaiolo e, nel riconsiderarli va incontro all’attenzione di quanti stanno avvertendo la necessità che si sparga del concime salutare su tutti gli alberi della vigna.

Luca Zacchi

Vai all'articolo originale