Settimana 18 - La fede non è un complemento

25.04.2015

Un tale si avvicinò a Gesù e gli disse: «Maestro, che devo fare di buono per avere la vita eterna?»

Matteo 19:16

 

La ricchezza è vista nella Bibbia come una benedizione divina, mentre i beni materiali sono considerati un frutto della generosità divina. Il giovane molto ricco recatosi dal Signore era di sicuro reputato dai suoi concittadini benedetto. L’incontro con Gesù rivelerà tutt’altro. La ricchezza ha diversi rischi. Innanzitutto nel tempo induce a non riconoscere Dio come la fonte di ogni grazia (Deut. 8:17-18; Os. 2:8). Di conseguenza la persona ricca fa affidamento su ciò che possiede, e non si accorge che sarà difficile entrare nel regno dei cieli. L’unico interesse sono le ricchezze, indice di stoltezza e miseria (Lc 12:21; Ap. 3:17). Secondo Paolo il desiderio di ricchezza, l’amore per il denaro è la radice di ogni specie di mali (1 Tim. 6:9-10). Il giovane ricco cercava la vita eterna nell’approvazione del Maestro, secondo le sue prospettive, ma l’incontro con Gesù diventa una sfida: “Va', vendi ciò che hai e dà il ricavato ai poveri”. Purtroppo il Vangelo narra che andò via rattristato, perché aveva molti beni. Dov’è il tuo cuore? Da dove procede la tua sicurezza?

 

I valori di Gesù

L’intento di Gesù era di volgere lo sguardo alle cose invisibili (2 Cor. 4:18). Jonathan Lab scrive: “Gesù… si era affacciato nella vetrina della vita e aveva scambiato i cartellini dei prezzi, in modo che quelle cose che erano di grande valore diventassero di poco valore, e le cose che erano di poco valore diventassero di grande valore” (Integrità, essere guide sotto lo sguardo di Dio, Edizioni GBU).

L’interrogativo di Gesù: “Se vuoi essere perfetto” rimanda all’integrità di Abramo (Gen. 17:1-2), perché camminare alla presenza di Dio è un impegno per la vita, da mantenere con assoluta integrità, perché nulla si può nascondere alla Sua presenza. Egli del continuo ci sfida ad andare oltre le apparenze.

___

Domenica 3 maggio è la Giornata Mondiale della Libertà di Stampa. Preghiamo affinché in ogni parte del mondo sia concessa la libertà di esprimere e comunicare, senza condizionamenti e controlli di alcun tipo.

 

Lettura della Bibbia

 

27 aprile         1 Cronache 17-19;  Matteo 27-28

28 aprile         1 Cronache 20-22;  Marco 1-2

29 aprile         1 Cronache 23-25;  Marco 3-4

30 aprile         1 Cronache 26-28;  Marco 5-6

01 maggio      1 Cronache 29; 2 Cronache 1-2;  Marco 7-8

02 maggio      2 Cronache 3-5;  Marco 9-10

03 maggio      2 Cronache 6-8;  Marco 11-12

Please reload