Settimana 19/2016 - Coraggio di mamma

30.04.2016

Allora il re rispose: «Date a quella il bambino vivo, e non uccidetelo; lei è sua madre!»
1 Re 3:27
 
Solo una donna può comprendere cosa significhi essere “mamma”, e quanto sia atroce privarsi per una ragione qualsiasi del frutto del proprio grembo. Durante il sapiente governo del re Salomone, accadde un giorno che due madri si contendevano un bambino. Cosa era accaduto? Queste due donne presentate come “prostitute” alloggiavano assieme ed entrambe avevano un neonato. Una notte uno dei bambini morì soffocato sotto il peso della mamma, che lo sostituì con quello della sua collega. Ne nacque una contesa che fu presentata al re, il quale ascoltata la storia propose di tagliare in due il bambino e darne una metà ciascuna. Ciò avrebbe significato la morte del piccolo, ma avrebbe dato un equo soddisfacimento alle contendenti. Immediatamente una delle due (la mamma naturale) rinunciò alla sua parte per lasciarlo vivere. Ebbe il coraggio di rinunciare al frutto del suo grembo per salvargli la vita. Desidero esaltare il coraggio di essere mamma, che ha contraddistinto anche altre donne nella Bibbia, tra cui Anna, la mamma di Samuele; la sunamita che incontra Eliseo. Dio sostenga tutte le donne che ogni giorno combattono per la vita.
 
La festa della mamma
Le celebrazioni della mamma risalgono al XVII sec. in Inghilterra con il Mothering Sunday: i bambini, lontani dalle famiglie per imparare un mestiere o perché costretti a servitù, ritornavano a casa per un giorno. Da qui la tradizione di festeggiare la famiglia e soprattutto la mamma. Negli Stati Uniti, nel maggio 1870, Julia Ward Howe, promotrice dell’abolizione della schiavitù, propose l'istituzione del Mother's Day per riflettere sull’inutilità della guerra. Anna M. Jarvis, alla morte della madre, inviò lettere a diversi membri del Congresso, affinché venisse istituita una festa per celebrare le mamme ancora in vita. Nel maggio 1908, a Grafton nel Massachusetts, venne celebrata la prima festa della mamma e nel 1914 il presidente Wilson istituì il Mother's Day e si decise di celebrarlo la seconda domenica di maggio. In Italia la festa arriva negli anni Cinquanta, assumendo presto connotati religiosi con la dedicazione del mese di maggio alla Madonna da parte di papa Paolo VI nel 1965.
 
Una croce dal sangue
L’8 maggio ricorre la Giornata Mondiale della Croce Rossa, oggi una istituzione planetaria nata dalla fede di un uomo. All’indomani della sanguinosa battaglia di Solferino, combattuta il 24 giugno 1859, Henry Dunant – umanista, imprenditore e filantropo svizzero di fede evangelica – allo sconvolgente spettacolo delle migliaia di uomini rimasti sul campo, la disorganizzazione nell’assistenza, gli affannosi soccorsi da lui prestati nei giorni seguenti lo indussero a impegnarsi per la creazione di un corpo permanente e neutrale di soccorso ai feriti di guerra. Sulla base della Convenzione di Ginevra del 1864, Dunant riuscì a dar vita al Comitato Internazionale della Croce Rossa, vincendo, poi, nel 1901, il primo premio Nobel per la pace.
 
Lettura della Bibbia

02 maggio      2 Cronache 9-11;  Marco 13-14
03 maggio      2 Cronache 12-14;  Marco 15-16
04 maggio      2 Cronache 15-17;  Luca 1-2
05 maggio      2 Cronache 18-20;  Luca 3-4
06 maggio      2 Cronache 21-23;  Luca 5-6
07 maggio      2 Cronache 24-26;  Luca 7-8
08 maggio        2 Cronache 27-29;  Luca 9-10

Please reload