Settimana 50/2016 - Le verghe di Giacobbe

04.12.2016

«Or Giacobbe prese delle verghe verdi di pioppo, di mandorlo e di platano; vi fece delle scortecciature bianche, mettendo allo scoperto il bianco delle verghe». 
Genesi 30:37
 
Dopo circa vent’anni di duro lavoro al servizio dello zio Labano, Giacobbe, dopo aver sposato Lea, ha ora la gioia del primo figlio dell’amata Rachele. La nascita di Giuseppe lo spinge a tornare nelle sue terre di origine. Avendo finora lavorato per il suocero non ha nulla e chiede di essere compensato da questo momento attraverso la divisione dei nuovi nati nel gregge: gli animali bianchi sarebbero rimasti allo zio, quelli macchiati o striati a lui. Nulla di strano se il gregge di partenza non fosse stato interamente bianco. Giacobbe dopo tanti anni al pascolo ha coscienza che gli animali possono essere condizionati da quel che vedono. Mette così su un sistema di stimolazione di strisce davanti agli occhi degli animali in calore. Il risultato è sorprendente: accade secondo i suoi piani. In breve tempo il numero dei suoi animali supera quello dei capi di Labano. La vicenda non è una proposta truffaldina né un’idea per fare business. Giacobbe ci insegna che quel che gli occhi vedono, il cuore desidera e l’anima cerca. Non togliere dai tuoi occhi la chiara visione di quel che vuoi accada. La fede è dimostrazione di cose che non si vedono … (Ebrei 11:1).
 
L’8 dicembre
Segna per tradizione l’inizio dei preparativi natalizi, quali l’albero, il presepe e altri addobbi. Tale ricorrenza ha la peculiarità di riscaldare il cuore delle persone, nonostante queste siano, ogni anno sempre più, pervase da sentimenti di tristezza ed insoddisfazione, frutto soprattutto delle difficoltà economiche che imperversano sulla nostra società. Può bastare il luccichio di un albero addobbato o un presepe pieno di personaggi a far dimenticare le tragedie di tutti i giorni, annebbiando così anche le anime delle persone sul vero motivo per cui Cristo è venuto a nascere? Nel vangelo di Giovanni (3:16) è scritto: «Dio ha tanto amato il mondo che ha mandato il suo unigenito Figlio, affinché chiunque crede in lui non perisca, ma abbia vita eterna». Questo il vero motivo: Cristo è venuto ad abitare tra le tenebre in quanto luce di Dio affinché la Sua luce potesse risplendere nelle tenebre dell’umanità. L’8 dicembre, secondo il calendario gregoriano, è una ricorrenza dedicata a Maria, madre di Gesù. Questa accolse nel suo grembo il nascituro figlio di Dio. Considerando come la Bibbia ci ricordi che ogni essere umano ha peccato ed è privo della gloria di Dio ed è da Lui separato, che tale divisione ed allontanamento possa essere eliminato solo attraverso l’accettazione del sacrificio compiuto da Gesù sulla croce per noi, viene da chiedersi come sia stato possibile che una donna, in cui albergava il peccato, abbia potuto ospitare nel proprio grembo Colui che è senza peccato? (tratto da: L’8 dicembre: Maria raggiunta dalla Grazia)
 
Lettura della Bibbia

 

05 dicembre   Amos 5-6; Ebrei 11-12
06 dicembre   Amos 7-8; Ebrei 13; Giacomo 1
07 dicembre   Amos 9; Abdia 1; Giacomo 2-3
08 dicembre   Giona 1-2; Giacomo 4-5
09 dicembre   Giona 3-4; 1 Pietro 1-2
10 dicembre   Michea 1-2; 1 Pietro 3-4
11 dicembre   Michea 3-4; 1 Pietro 5; 2 Pietro 1
 
Il 10 dicembre 1968 si spegneva Karl Barth (10 maggio 1886, Basilea), teologo e pastore calvinista, iniziatore della “teologia dialettica”.

Please reload