Settimana 41/2017 - La fede é azione

07.10.2017

«Non ti ho detto che se tu credi, vedrai la gloria di Dio?»
Giovanni 11:40
 
Dinanzi alla sfida della parola di Dio tendiamo a voler dare spiegazioni e giustificazioni non riuscendo a ricevere          quanto promesso o dichiarato. Quando Dio ci viene incontro, noi restiamo umani ed in quanto tali ci relazioniamo con Lui da esseri finiti, facili a lamentarsi per gli sforzi vani e il costante insuccesso nell’adempiere la Sua parola. Se la nostra fede, invece, ponesse maggior ascolto ad essa e diventasse un po’ sorda alle tanti voci di portatori di infauste notizie, saremmo come Simone il quale affermò: “Alla tua parola calerò le reti”. È questo quello che sta venendo meno! Ascoltiamo, ma facciamo fatica ad obbedire alla parola del Maestro quando ci ordina di gettare le reti. La fede non cerca spiegazioni o scuse, ma azioni! Gesù, nel Suo discorso con la sorella di Lazzaro le disse: «Non ti ho detto che se tu credi, vedrai la gloria di Dio?» (Giovanni 11:40). Anche il centurione di Capernaum è per noi di esempio, quando disse a Gesù che non era necessario che si recasse a casa sua per guarire il suo servo ammalato. Era persuaso che con una sola Sua parola sarebbe guarita.
 
Giovanni Diodati
Il 13 ottobre 1649 a Ginevra si spegneva Giovanni Diodati (nato il 3 giugno 1576, aveva 73 anni). La sua fama è dovuta specialmente alla sua traduzione della Bibbia in italiano (1607) e in francese (1644), la prima ad essere letta da molti italiani. La traduzione italiana, cosiddetta Diodatina, è ritenuta un’opera monumentale per il lessico adoperato, per l’intensità ed i termini sopraffini utilizzati, per la fedeltà al testo cui solamente un uomo di levatura superiore e con doni comunicati dallo Spirito Santo, ha potuto compiere pur in una giovane età, a conferma di una schietta consacrazione. La seconda edizione del 1641 viene edita con la revisione dell’autore ancora vivente e con i Salmi tradotti in poesia, che ci comunicano la vena poetica di questo particolare studioso, professore di lingue antiche a vent’anni e successore di Calvino con Theodore de Beze all’università, come rettore magnifico a venticinque. Di questo patrimonio restano per la traduzione del 1607 stampata a Ginevra 12 esemplari, per quella del 1641 stampata a Ginevra -editore P. Chovet - si contano 23 copie. Averne una …
 
Lettura della Bibbia
09 ottobre       Geremia 13-14; Giovanni 21; Atti 1
10 ottobre       Geremia 15-16; Atti 2-3
11 ottobre       Geremia 17-18; Atti 4-5
12 ottobre       Geremia 19-20; Atti 6-7
13 ottobre       Geremia 21-22; Atti 8-9
14 ottobre       Geremia 23-24; Atti 10-11
15 ottobre       Geremia 25-26; Atti 12-13

Please reload