• Elpidio Pezzella

Signore, aiutami

Aggiornato il: mag 30

Una delle storie più toccanti del ministero di Gesù è sicuramente l’incontro dalle parti di Tiro e Sidone con la donna cananea che aveva una figlia tormentata da un demone. Costei gridò il suo problema al Maestro che rimase in un primo momento in silenzio. Sollecitato dai discepoli, replicò chiudendo ogni possibilità di intervento.

La donna però pregò in modo tale da spingere Gesù all’azione. “Ella però venne e l'adorò, dicendo: «Signore, aiutami!»” (Matteo 15:25). Come sarebbero diversi i nostri giorni se usassimo lo stesso atteggiamento con i nostri problemi. Preferiamo convincerci invece di essere troppo occupati, ignorando che bastano poche parole. Dio non risponde per l’eloquenza, ma per la fede che usiamo. Non occorrono trenta minuti per muovere il Suo braccio: un granel di fede e un’espressione possono indurlo ad agire. Come piccolo orante desidero condividere alcune veloci preghiere da innalzare in qualsiasi momento e luogo. Probabilmente qualcuna ti risulterà più familiare, altre di meno. Il mio desiderio è solo stimolarti a pregare con fede.

Signore, aiutarmi a essere oggi un coniuge e un genitore migliore di quello che ero ieri. Questa preghiera è adatta per iniziare la giornata con i tuoi cari, e la puoi esprimere mentre fai colazione con loro.


Signore, aiutami a mostrare a questa persona il tuo amore in un modo che non ha mai visto prima. Una volta uscito di casa per recarti a lavoro, quando incontri qualcuno, eleva questa preghiera prima di parlare con lui o lei. Potrebbe essere occasione per cambiare il suo modo di vedere Dio, e tu puoi essere lo strumento.


Signore, aiutami a credere che sei con me anche quando non sono sicuro che Tu ci sei. Dio è con te, sempre! Si tratta di una verità biblica, ma a volte il turbinio che ci avvolge ce lo fa dimenticare. Questa preghiera ti aiuterà, nei tuoi momenti di ansia o incertezza, a ricordarti che Dio è con te.


Signore, aiutami ad allontanarmi dal peccato, quando questo si dirige verso di me. A Caino fu detto: “Il peccato è dietro la porta che ti spia” (Genesi 4:7). Il re Davide disse: “Il mio peccato è sempre davanti a me” (Salmi 51:3). Prima di colpirci, il peccato suona il campanello. Quando la tentazione arriva, lascia che questa preghiera ti aiuti a rifiutare il suo invito.


Signore, aiutarmi a fare le cose che so di dover fare ma non riesco. Ci sono cose che Dio ti sta chiedendo di fare, ma al momento non ci riesci. Quale modo migliore allora di iniziare a farle affidandoti a Lui? Egli è amorevole da comprendere e potente da darti la spinta giusta.


Signore, aiutami a credere che oggi posso fare la differenza nella vita di qualcuno rivolgendogli qualche espressione carina o compiendo quelle azioni capaci di lasciare il segno. Qualcuno ha scritto che le parole sono “piccole bombe a paracadute riempite con pietre o fiori”, e quindi possono far male o aiutare. Decidi di caricare le tue bombe con i fiori.

Signore, aiutami a credere che la tua Parola è la lampada che illumina la strada buia. Nei momenti in cui arranchi sulla via della vita, quando d’improvviso si fa buio, ricorda che Dio ti ha fornito la fonte di luce: la Sua Parola. Accendila.

Signore, aiutami a donare l’amore che mi hai dato gratuitamente a tutte quelle persone che faccio fatica ad amare. Ci sono persone che non riesci ad amare pienamente per varie ragioni. Come Dio ha amato te, non trattenerti dal donare amore, fallo senza motivi.


Signore, aiutami a credere che hai un piano per la mia vita, anche quando non mi sento approvato. Potresti pensare che non c’è alcun piano divino per te e tutto è confuso. Ricorda che i Suoi pensieri e le Sue vie sono più alte delle tue, ma comunque perfette. Devi fidarti di Lui.

Signore, aiutami ad avere pazienza prima di uscire fuori dal “seminato”. La pazienza è essenziale nel ministero, e non solo. La nostra pazienza è continuamente provata, soprattutto dai nostri familiari. Quando ti accorgi che la tua pazienza è evaporata, non aspettare di chiedere a Dio di alimentarla.


Signore, aiutami a non vivere nei Social. Tutti sono grandi a misurarsi nei Social o capaci di cose impossibili con la tastiera dello smartphone. Nella realtà invece riscopriamo la nostra piccolezza.

Signore, aiutami a cercare la guida della tua Parola. Siamo troppo propensi a cercare le risposte alle nostre domande su Google. Digitiamo nella barra di ricerca la nostra esigenza e premiamo invio per perderci in un’infinità di risposte. Google può essere utile, ma non è Dio.

Signore, aiutami a interessarmi di ciò che Tu pensi di me e non di quello che la gente può pensare di me. Facilmente ci preoccupiamo del giudizio altrui o limitiamo il nostro agire per piacere a qualcuno. Il desiderio di essere gradito ad altri può condizionare il nostro desiderio di piacere a Dio.

Signore, aiutami a perdonare rapidamente, prima che l'amarezza mi divori. Non è facile perdonare, ma l'alternativa è molto più difficile da vivere. Chiedi a Dio di aiutarti a perdonare.

Signore, aiutami a vivere il ministero non come un lavoro, ma come una vocazione. Ogni volta che il ministero diventa una routine o una questione di interessi siamo fuori strada. Dio ci chiama a vivere la chiamata come la più grande occasione della nostra vita.


Signore, aiutami ad avere la fede che solleva una montagna e la getta in mare. Quando hai la mentalità che nulla può impedirti di fare la volontà del Signore, niente e nessuno ti potrà fermare. Nessuna montagna sarà invalicabile.

Signore, aiutami a condurre bene quelli che mi hai affidato. Se Dio ha affidato alcuni alle tue cure, sei responsabile su loro. Chiedi aiuto al Signore, perché da soli sceglieremo di abbandonare qualcuno.

Signore, aiutami a vedere e sentire le cose che sfuggono agli altri. Paolo incoraggia i Corinzi a concentrarsi sulle cose che non possono vedere (2 Corinzi 4:18). Guardandoci intorno, invece di vedere i problemi, dobbiamo riuscire a vedere Dio che sta orchestrando le soluzioni.

Signore, aiutami a lavorare sodo sulle cose giuste e lasciare i risultati a Te. Siamo alla ricerca di risultati, e quando non li otteniamo, dobbiamo chiedere a Dio di aiutarci a continuare a lavorare duramente senza scoraggiarci. Una semina, un altro innaffia, ma chi fa crescere è Dio.

Signore, aiutami. A volte potremmo non sapere di cosa abbiamo bisogno. Quando hai vuoti di parole, lasciali riempire da Dio.

Quale di queste preghiere è consona al tuo stato attuale? Non esitare a chiedere il Suo intervento.


Foto www.freeimages.com


#pregare #preghiera #invocazione #supplica #intercessione #intervento #aiuto #miracolo #prodigio #soccorso

0 visualizzazioni